Ricerca
comunità e distretti

 

Piano della Chiesa Neo-Apostolica Svizzera per la protezione dal coronavirus

 

 

Nonostante le dovute limitazioni, la frequenza dei servizi divini deve essere per tutti i fratelli e le sorelle un'esperienza di gioia e rafforzamento. Il piano di protezione della Chiesa Neo-Apostolica Svizzera permette lo svolgimento di servizi divini nelle comunità e tiene conto sia del desiderio di vivere insieme il servizio divino sia pure delle prescrizioni emanate dall'Ufficio federale della sanità pubblica.

Il piano di protezione stabilisce le regole vincolanti per le comunità ecclesiastiche neo-apostoliche in Svizzera.

Le regole più importanti contenute nel piano di protezione della Chiesa Neo-Apostolica Svizzera (valevole dal 19 ottobre 2020) sono:

  • Per principio i servizi divini avvengono nella propria comunità, la domenica e il mercoledì rispettivamente giovedì. Nella sala di culto e anche fuori di essa si devono osservare le regole di distanziamento.
  • Presso l'entrata della chiesa tutti i visitatori del servizio divino si puliscono le mani con un disinfettante adatto. I portinai / le portinaie che stanno presso l'entrata vi richiamano l'attenzione.
  • Per tutti i partecipanti al servizio divino l'uso della mascherina di protezione è obbligatorio dal momento di entrare in chiesa e durante tutta la permanenza. Loro stessi portano con sé le mascherine. Sono disponibili mascherine per il caso di emergenza. Dall'obbligo di indossare la mascherina sono esentati i ministri che servono all'altare, oratori o oratrici per letture bibliche o di comunicazioni e gli organisti quando stanno suonando. Così anche altri musicisti mentre suonano, a condizione che possano essere rispettate le distanze minime. Sono esonerati dall'obbligo legale di usare la mascherina i bambini fino ai 12 anni e i partecipanti al servizio divino per i quali, per ragioni mediche (ferite facciali, grande insufficienza respiratoria, stati d'ansia nel portare una maschera) o per altre infermità, l'indossare di una mascherina non è accettabile o fattibile.
  • Il numero dei visitatori del servizio divino è limitato. Ai posti a sedere i presenti devono mantenere una distanza minima di 1.50 metri (da testa a testa). Persone appartenenti alla stessa economia domestica (per es. famiglie, coppie) possono sedersi più vicine.
  • I fratelli e le sorelle sono pregati di seguire le disposizioni dei portinai / delle portinaie concernenti i posti a sedere.
  • Se in una comunità i posti a sedere non sono sufficienti, si raccomandano due servizi divini domenicali, oppure, a scelta, la partecipazione ai servizi divini di domenica rispettivamente infrasettimanali.
  • Si devono tralasciare visite spontanee in altre comunità, anche nelle vacanze. I fratelli e le sorelle in vacanza sono esortati a sfruttare l'offerta IPTV.
  • Fratelli o sorelle che sono malati o non si sentono bene sono pregati di non partecipare al servizio divino. Si consiglia loro, in tal caso, di assistere al servizio divino per IPTV, oppure di ascoltare per telefono il servizio divino della comunità.
  • Fratelli e sorelle facenti parte del gruppo di persone a rischio secondo la definizione della Confederazione sono esortati a osservare le raccomandazioni della Confederazione attualmente valide. Questo concerne particolarmente fratelli e sorelle con gravi malattie preesistenti.
  • Fratelli e sorelle di ogni età hanno il desiderio di visitare i servizi divini. È comprensibile che soprattutto anche fratelli e sorelle più anziani, hanno grande nostalgia di assistere al servizio divino. Sta nella responsabilità personale dei singoli se vogliano vistare il servizio divino o no. È essenziale che tutti i partecipanti rispettino le regole d'igiene e distanziamento.
  • Visitatori che si presentano all'entrata della chiesa con forte tosse o forte raffreddore, dai portinai / dalle portinaie possono essere invitati gentilmente a non partecipare al servizio divino. La protezione degli altri visitatori del servizio divino ha la priorità.
  • I guardaroba possono essere utilizzati rispettando le regole di distanziamento. Si consiglia di prendere il soprabito con sé al posto nella sala. Si devono evitare assembramenti di persone negli atri e nei locali attigui come pure sul piazzale antistante e sul posteggio della chiesa.
  • Possibilmente, durante il servizio divino la chiesa è da ventilare con una breve aerazione veloce; questo può comportare un momentaneo abbassamento della temperatura nella sala.
  • Rispettando le misure di protezione la comunità può di nuovo essere partecipe musicalmente al servizio divino. Questo avviene con precauzione e gradatamente e tenendo conto delle diversità regionali. In un primo passo la comunità può cantare l'inno di pentimento, il triplice Amen ed eventualmente un inno finale intonato da tutti insieme. I fratelli e le sorelle usino il loro innario personale. Oltre al suono dell'organo / del pianoforte, altra musica strumentale, eseguita da singoli strumentisti (anche strumenti a fiato) o da piccoli gruppi musicali (fino a 4-6 musicisti, a dipendenza della disponi¬bilità di spazio), è possibile. Sono da osservare le distanze di sicurezza. Per il momento si deve sempre ancora rinunciare al canto del coro nel servizio divino.
  • Nei limiti del possibile la distribuzione della Santa Cena ai fratelli e alle sorelle avviene al loro posto. In caso di circolazione per ricevere la Santa Cena si deve mantenere la distanza minima di 1.50 metri.
  • I ministri incaricati a distribuire la Santa Cena si disinfetteranno le mani e durante la distribuzione porteranno una mascherina di protezione. Per ricevere l'ostia della Santa Cena la mascherina di protezione può essere brevemente abbassata.
  • Tutte le dispensazioni di sacramenti, di benedizioni e altri atti sono ammessi, sempre nell'osservanza delle disposizioni impartite. Si raccomanda tuttavia di posticipare atti non urgenti a una data successiva, cioè a dopo la fine della pandemia. Durante le allocuzioni e gli atti tutte le persone coinvolte portano una mascherina di protezione.
  • Dopo il servizio divino la sala e l'areale della chiesa devono essere abbandonate in modo ordinato e nel rispetto delle regole di distanziamento. Nell'accomiatarsi si tralascino strette di mano e abbracci.
  • Dopo il servizio divino si puliscono e si disinfettane le parti più importanti che si toccano, come per es. le maniglie delle porte.
  • Colloqui pastorali possono nuovamente avvenire, nel rispetto delle regole d'igiene e distanziamento e nell'intesa reciproca. C'è da prestare attenzione a eventuali regolamenti restrittivi per le visite in ospedali, ricoveri per anziani e case di cura. Lo stesso vale per il servizio a casa per celebrare della Santa Cena.
  • Oltre ai servizi divini nelle comunità, ogni domenica alle ore 09.30 la Chiesa Neo-Apostolica Svizzera offre tramite IPTV un servizio divino in tedesco, francese e italiano. Fino a nuovo avviso i link e le parole chiave pubblicati rimangono invariati.

Queste regole sono vincolanti per i distretti e le comunità in Svizzera e restano in vigore fino a un loro adattamento o fino alla revoca da parte della direzione della Chiesa Neo-Apostolica Svizzera. Eventuali disposizioni aggiuntive, federali, cantonali o comunali, sono pure da osservare.

Il piano completo di protezione si trova qui: