Ricerca
comunità e distretti

Servizio divino di Pentecoste a Lugano

05.06.2022

Domenica 5 giugno 2022 la comunità di Lugano in festa per la Pentecoste e la benedizione per le nozze d’argento. A sorpresa, visita dell’apostolo!
 
/api/media/525201/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=fe1b706f5b7c84dabedf84c2141547f7%3A1702016894%3A7585055&width=1500
/api/media/525202/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=89f54bc44a3f6e99ba47a212e5734748%3A1702016894%3A3850763&width=1500
/api/media/525203/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=77f22dc3f25a1a3497cf3b13b812edcd%3A1702016894%3A8670409&width=1500
 

La comunità di Lugano ha potuto vivere una domenica di festa con l’apostolo Rolf Camenzind, che ha sorpreso i presenti riuniti per la domenica di Pentecoste. In programma era invece il vescovo, impedito causa malattia. La parola scritta in I Corinzi 3, 16: “Non sapete che siete il tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi?” è servita quale base per questo servizio divino di festa.

La lettura biblica, consuetudine nelle feste religiose, è stata tratta dalla prima epistola di Paolo ai Corinzi 12, 1-11.

Il servizio divino ha avuto come perno l’importanza dello Spirito Santo, il suo effetto incredibile sia al tempo dove l’apostolo Pietro predicava e battezzava, sia al giorno d’oggi.

Il giorno di Pentecoste è nata la Chiesa di Cristo, formata dai fedeli credenti. Noi, quali battezzati di Spirito, abbiamo la responsabilità di lasciarci guidare dalla saggezza e sapienza dello Spirito Santo, utilizzando i nostri doni per l’Opera divina.

Siamo grati per l’immenso dono ricevuto con lo Spirito Santo e proseguiamo con la forza e la pace che lo Spirito Santo ci dona. Siamo i servitori di Cristo e camminiamo uniti e congiunti, ognuno di noi con le nostre diversità, verso la nostra meta, il promesso ritorno di Gesù Cristo.

Il sacerdote Rolf Bänziger ha pure potuto aprire il suo cuore e servire all’altare.

L’apostolo ha in seguito pronunciato il perdono dei peccati e consacrato le ostie per la celebrazione della Santa Cena.

Dopo che la comunità ha festeggiato la comunione è seguito l’atto della benedizione per le nozze d’argento di Lucia e Mimmo. La comunità emozionata si è stretta attorno agli sposi raggianti. L’apostolo Camenzind, venticinque anni fa, aveva officiato il matrimonio, e oggi, dopo un quarto di secolo, ha riproposto la medesima parola biblica rendendola ancora attuale, quale augurio: “Soprattutto abbiate amore intenso gli uni per gli altri, perché l’amore copre una gran quantità di peccati. Siate ospitali gli uni verso gli altri senza mormorare. Come buoni amministratori della svariata grazia di Dio, ciascuno secondo il dono che ha ricevuto, lo metta a servizio degli altri.” I (Pietro 4, 8-10).

I gioiosi canti del coro e le decorazioni a tema, hanno contribuito a rendere speciale e indimenticabile questa domenica di festa e a rendere il cuore dei presenti colmo di gratitudine.

Terminato il servizio divino, la comunità e gli sposi giubilari hanno festeggiato con un aperitivo in allegra comunione.