Ricerca
comunità e distretti

Inaugurazione della chiesa rinnovata di Winterthur al 17 giugno 2018

17.06.2018

Domenica 17 giugno 2018 a Winterthur è stato scritto un nuovo capitolo nella storia neo-apostolica della città. Dopo un anno e mezzo di lavori, si è potuto riaprire la nuova chiesa alla Wülflingerstrasse.
 
/api/media/499409/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=37275650849d167a02075c48d7cbeca2%3A1646017745%3A422805&width=1500
/api/media/499410/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=bb282803179123941708f20a7d8d9a68%3A1646017745%3A6435886&width=1500
/api/media/499411/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=af9508b71832e16c84f01da495614a87%3A1646017745%3A5137483&width=1500
/api/media/499412/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=e3d8cc243704c28e108c7f0becc1ae87%3A1646017745%3A4024521&width=1500
/api/media/499413/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=c52fe3623410234b324e0a57366744ad%3A1646017745%3A8566520&width=1500
/api/media/499414/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=74144d99a63730df8121bd86d3af4c68%3A1646017745%3A5486107&width=1500
/api/media/499415/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=ecab75c4de672073d28136601e17ace1%3A1646017745%3A1539756&width=1500
/api/media/499416/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=70d3d347249a39235d73eb388464f0bd%3A1646017745%3A825184&width=1500
/api/media/499417/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=9584e8366f4b88905144d5b416f9d3ac%3A1646017745%3A8221922&width=1500
/api/media/499418/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=35d8502ca6760b3741a515569567796b%3A1646017745%3A5214127&width=1500
/api/media/499419/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=6f89c0253d6430a4fe38ac6f921f9e15%3A1646017745%3A7049810&width=1500
/api/media/499420/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=55c29c6e8331964cf6796abe23a57bec%3A1646017745%3A6958214&width=1500
/api/media/499421/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=2ba3b88c56c9c8c0635dd2f79c2bd489%3A1646017745%3A3977174&width=1500
/api/media/499422/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=6dbeee942b529cd69cd68e99e8ef63de%3A1646017745%3A5834828&width=1500
 

Domenica una grande comunità composta dalle anziane comunità di Neftenbach, Winterthur-Seen e Winterthur-Stadt, ha preso possesso di questa bella nuova chiesa. L'apostolo Deubel ha celebrato il servizio divino d'inaugurazione. Un coro impressionante e una grande orchestra hanno abbellito l'ora di festa.  Tra gli invitati vi era pure il sindaco di Winterthur Michael Künzle e l'architetto Alex Kalberer.

Come base per il servizio divino ha servito una parte della parola biblica in Luca 19, 9: «Oggi la salvezza è entrata in questa casa …».

Dopo che l'apostolo ha inaugurato la chiesa con una preghiera, egli ha accennato al grande compito della nuova comunità che comincia con il primo giorno: da tre diverse comunità dovrebbe risultarne una sola unita. L'apostolo ha dato due consigli: affinchè i fratelli e le sorelle possano sentirsi a loro agio già dall'inizio, è importante prendere esempio da Gesù Cristo e impiegare le proprie doti nella vita di comunità. L'apostolo ha mostrato l'esempio di Zaccheo. Egli ha vissuto sulle spalle di altri e ha fatto la bella vita, per questo era malvisto da molti contemporanei. L'incontro con Gesù ha cambiato Zaccheo, nel fatto che egli ha voluto mettere a posto gli errori che aveva fatto e cambiare il suo stile di vita: Gesù lo ha perdonato e gli ha detto: «Oggi la salvezza è entrata in questa casa».

L'apostolo desidera che i fratelli e le sorelle possano vivere Gesù Cristo nella nuova chiesa e che con questo, essi possano perdonare. Che possano essere impiegati dove sono di bisogno e osservare il prossimo con gli occhi di Gesù.

Il vescovo Fässler si è rivolto dall'inizio del suo servire al sindaco della città. Egli ha espresso il desiderio che la nuova chiesa a Winterthur possa essere un buon indirizzo per la salvezza e la parola di Dio e che si possa risentire che tutti sono i benvenuti davanti a Cristo. Ha poi mostrato un'immagine delle tre comunità riunite, la vecchia di Winterthur come un tè aromatico e le comunità di Neftenbach e Seen come delle zollette di zucchero, le quali si sciogliono nel tè per renderlo dolce.

Dopo la dispensazione della Santa Cena, 28 sacerdoti, diaconi e sottodiaconi hanno potuto essere confermati per la nuova comunità. L'apostolo si è rallegrato molto per la grande schiera di ministri e ha augurato loro molta gioia, riuscita ed una fede irrimovibile.

Dopo il servizio divino, l'architetto Alex Kalberer ha espresso un paio di pensieri concernenti la costruzione. Egli ha parlato della grande responsabilità dell'ufficio d'architettura rispetto alla commissione di costruzione, i vicini, i membri della comunità e gli operai. In questo progetto si è pure pensato alla responsabilità verso Dio.

Per terminare, il sindaco Michael Künzle ha rivolto il saluto della città alla comunità e ha congratulato per l'edificio, il quale emana molto calore. La città di Winterthur è orgogliosa d'offrire un posto già da cento anni ad una istituzione del genere. Egli ha pure espresso il desiderio che la ristrutturazione possa aiutare i giovani e vivere Gesù Cristo.

Dopo il servizio divino, tutti i presenti hanno avuto la possibilità di gustare un aperitivo nei nuovi locali della chiesa.

Il prossimo grande evento avrà luogo al 18 agosto 2018, dove ci saranno le porte aperte per tutti gli interessati.  

Nuova costruzione imponente
Sotto la guida dell'ufficio d'architettura Hinder Kalberer Architetti Sagl, al posto di una costruzione vecchia e insignificante si è sviluppato un edificio moderno e cosciente del proprio valore. Il tetto della chiesa è stato provvisto di una costruzione a forma di torre dalla parte della Wülflingerstrasse. L'artista di Winterthur Nicola Gabriele ha creato pure nuove finestre; il locale è così riempito di luce colorata dando un ambiente speciale. La sala è stata ampliata con una balconata. Il centro della nuova chiesa è dato dall'altare in legno massiccio e chiaro. Attraverso l'irradiazione di luce zenitale sopra l'altare emerge un'atmosfera sacrale. I portinai sono particolarmente contenti di poter regolare tutta la tecnica della sala tramite un tablet.