Ricerca
comunità e distretti

In molti luoghi i servizi divini sono ulteriormente possibili

11.12.2020

L'apostolo di distretto Jürg Zbinden ha appreso con sollievo i risultati della conferenza stampa del Consiglio federale, svoltasi venerdì 11 dicembre 2020. In molte comunità neo-apostoliche sarà anche ulteriormente possibile svolgere dei servizi divini, sebbene non dappertutto, perché in alcuni Cantoni vigono regole più severe.
 
/api/media/509489/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=e6c177b2dcbef85021081be3cb4755d6%3A1670046447%3A5201118&width=1500
 

Grazie a diverse petizioni presso il Consiglio federale e presso l'Ufficio federale della sanità pubblica UFSP, i cristiani hanno ottenuto un'autorizzazione speciale per i propri eventi. Questi, secondo la disposizione della Confederazione, sono esentati dal divieto di assembramenti (cosa che vale anche la sera e nel caso di cerimonie funebri). Con gratitudine e benevolenza la Chiesa Neo-Apostolica Svizzera prende atto della decisione del Consiglio federale. Con ciò è assicurato che i servizi divini potranno avvenire anche nelle prossime giornate e celebrazioni di festa. Le nuove misure entrano in vigore il 12 dicembre 2020 e, per quanto si sa oggi, valgono fino al 21 gennaio 2021. Se le cifre dovessero prendere uno sviluppo negativo, il Consiglio federale si riserva la facoltà di decidere misure più restrittive.

Valgono immutate le misure e regole menzionate nel piano di protezione della Chiesa Neo-Apostolica Svizzera. La direzione della Chiesa prega i responsabili nelle singole comunità e i fratelli e le sorelle di rispettare, nell'area interna ed esterna delle chiese, in modo esemplare le vigenti limitazioni del numero dei partecipanti e anche le regole di distanziamento e igiene.

A livello federale il numero di partecipanti è limitato a 50 fedeli più le persone operanti. In alcuni Cantoni, però, valgono numeri dei partecipanti in parte nettamente inferiori. Per questo motivo, al momento in certe regioni non possono avvenire dei servizi divini. I responsabili nelle rispettive comunità informano i fratelli e le sorelle circa la possibilità di svolgimento e a proposito delle limitazioni dei partecipanti, come anche su eventuali allentamenti o inasprimenti delle regole.